Reclami

Reclami e ricorsi ABF


Centotrenta Servicing (la “Società”) è dotata di un Ufficio Reclami per la trattazione dei reclami aventi ad oggetto le modalità con cui la Società ha gestito operazioni o servizi nell’ambito della propria attività istituzionale.

Definizione di Reclamo

Con Reclamo si intende una contestazione scritta, come, ad esempio, una lettera, una e-mail, un fax, relativamente ad un comportamento o ad un’omissione, indirizzata alla Società dal titolare della pratica o da un delegato, afferente all’operato di Centotrenta, nell’ambito della sua attività istituzionale o per ognuna delle Società veicolo con riferimento alle quali svolge il ruolo di servicer ai sensi della Legge 130/1999, e con il quale il Reclamante attende una risposta e/o l’adozione di eventuali interventi risolutivi.

Presentazione del Reclamo alla Società

Il Reclamante potrà avere un primo contatto con il proprio referente abituale, al fine di pervenire ad una possibile soluzione in via semplificata della contestazione. Se non è possibile raggiungere una soluzione semplificata, può presentare reclamo scritto.

I Reclami scritti devono essere inviati a Centotrenta Servicing S.p.a., con una delle seguenti modalità:

1)            Lettera ordinaria o Raccomandata da inviarsi all’indirizzo: Via San Prospero, 4 – 20121 Milano

2)            Posta Elettronica certificata all’indirizzo: 130servicing@legalmail.it;

3)            Email all’indirizzo: reclami@130servicing.com;

4)            Fax al numero: 02/72022410.

Il Reclamo dovrà, necessariamente, contenere:

  • per le persone fisiche, carta di identità o documento equivalente che certifichi nome, cognome, indirizzo di residenza, codice fiscale, luogo e data di nascita;
  • per le persone giuridiche, visura o documento equivalente che certifichi la denominazione e ragione sociale, la sede, codice fiscale e partita IVA;
  • gli estremi identificativi del credito oggetto di contestazione;
  • una descrizione dettagliata dell’oggetto del Reclamo con l’indicazione delle motivazioni;

Nel caso in cui il Reclamante sia assistito da un avvocato, oltre ai documenti identificativi sopra descritti, l’avvocato dovrà fornire copia della procura, riportante le generalità del Reclamante e dai cui possa essere chiaramente e desunto il mandato professionale conferito.

Alla ricezione di un Reclamo scritto, l’Ufficio Reclami provvede a comunicare al Reclamante la presa in carico del Reclamo, descrivendo inoltre le modalità e i tempi di trattazione (cd. Lettera interlocutoria). La comunicazione avviene tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata.

L’Ufficio Reclami, effettuata la valutazione sulla base della documentazione in possesso e di tutte le evidenze raccolte durante la fase istruttoria, in ottemperanza alle modifiche alle “Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari –correttezza delle relazioni tra intermediari e clienti” apportate con il Provvedimento della Banca d’Italia del 19 marzo 2019, a partire dal 01 Ottobre 2020, si attiva a rispondere in forma scritta entro e non oltre 60 giorni dal ricevimento del reclamo.

Sistemi stragiudiziali di risoluzione delle controversie

Qualora la risposta fornita da Centotrenta Servicing S.p.a. non fosse per il Reclamante soddisfacente, sarà possibile adire, in via alternativa alla giustizia ordinaria, all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) a condizione che:

  • l’oggetto del ricorso corrisponda a quello del Reclamo;
  • venga fatta richiesta di una somma di denaro per un importo non superiore a 100.000 euro;
  • venga fatta richiesta di accertamento di diritti, obblighi e facoltà (in questo caso, senza limiti di importo).

Sono escluse dalla cognizione dell’organo decidente le richieste di risarcimento dei danni che non siano conseguenza immediata e diretta dell’inadempimento o della violazione dell’intermediario; sono parimenti escluse le questioni relative a beni materiali o a servizi diversi da quelli bancari e finanziari oggetto del contratto tra il cliente e l’intermediario ovvero di contratti ad esso collegati.

Non possono essere, inoltre, proposti ricorsi inerenti a controversie già sottoposte all’autorità giudiziaria, rimesse a decisione arbitrale ovvero per le quali sia pendente un tentativo di conciliazione ai sensi di norme di legge.

Per maggiori informazioni sull’Arbitro Bancario e Finanziario e su come presentare ricorso si rinvia alla Guida ABF disponibile sul nostro sito e al sito www.arbitrobancariofinanziario.it.


Privacy

I dati personali comunicati dal reclamante saranno trattati esclusivamente per la gestione dei reclami e saranno conservati per il periodo strettamente necessario allo scopo per cui sono stati raccolti nel rispetto di principi di liceità e correttezza stabiliti dal Regolamento (UE) 2016/679.

L’informativa completa può essere consultata sul presente sito internet nella sezione “Privacy Policy”.